Dorayaki Originali: Il dolcetto preferito di Doraemon

Li abbiamo visti e rivisti nei cartoni animati realizzati da Fujiko F. Fujio sul personaggio più famoso dei cartoni giapponesi, simbolo della cultura giapponese nel mondo: Doraemon, amatissimo anche nel nostro paese. E visto dalla TV ci fanno venire l’acquolina in bocca. Ora, ammetto di averli provati direttamente acquistati nei convenience store Eleven a Tokyo, e di non esserne rimasto estasiato particolarmente. Ma più che di descriverne il gusto effettivo, molto soggettivo, andiamo a raccontarli in quanto simbolo iconico dei prodotti da strada giapponesi. Si tratta di due pancakes, formati impastando la kasutera, una sorta di pan di spagna, con ripieno tradizionale di marmellata di fagioli Azuki, comunemente chiamata Anko. Raggiunsero la forma di oggi nel 1914 per opera di Ueno Usagiya. Il termine giapponese Dora significa Gong, che ha la stessa forma dello strumento da cui ha preso il nome questo dolcetto. Come tipologia di ripieno, oltre alla marmellata Anko, ci sono diverse varianti, tra cui la crema di castagne o cioccolato.

Ricetta del Dorayaki Originale

Anche se sono molto simili, il dorayaki è diverso dal pancake. Infatti il dorayaki è derivato da una ricetta portoghese della kasutera(castella in portoghese), con la consistenza di pan di spagna Contrariamente a ciò che si potrebbe pensare e nonostante il loro aspetto, le due torte che compongono i dorayaki originali non sono esattamente pancake. Infatti, la loro ricetta deriva da una torta portoghese, “castella” (in giapponese, kasutera), importata dai missionari nel sedicesimo secolo. La kasutera ha una consistenza di pan di spagna, con una forma e sapore diversa da un pancake! I dorayaki originali sono anche più morbidi di un classico pancake, e inoltre, il termine pankeki corrisponde a un tipo di pancake completamente diverso in Giappone. Abbiamo scelto di condividere la ricetta per i dorayaki originali perché la gente ci dice sempre che i dolci asiatici sono terribili. Le tradizionali dolci giapponesi, o wagashi, possono essere troppo strani con i palati occidentali: La consistenza appiccicosa di mochi (riso pestato) e il ripieno dolce (pasta di fagioli) che vengono spesso usati sono molto diversi dalla maggior parte delle torte e dei biscotti europei. Ricordo quando eravamo in Giappone. Abbiamo comprato un cofanetto per i genitori di Giulio e li hanno odiati! Nessuno voleva mangiare la gelatina di riso morbida e soffice! Ma i dorayaki sono il dessert asiatico per principianti perfetto. Sono deliziosi, facili da preparare e non hai bisogno di ingredienti speciali. Diverse storie circondano la creazione dei dorayaki originali. La parola dora significa “gong” in giapponese, e il nome del dolce verrebbe dalla sua forma rotonda e dal suo colore dorato. Si dice che il monaco guerriero Saito no Musashibo Benkei (1155-1189) un giorno lasciò il gong con un contadino con cui si nascondeva. Dopo la sua partenza, il contadino ha fritto una torta sullo strumento e così ha inventato i dorayaki originali. Ma si dice anche che il contadino e sua moglie hanno servito una torta di questo tipo al Benkei, che poi è diventato popolare. È davvero impossibile sapere la verità! Anche se si ritiene che le origini del dorayaki originali siano antiche, ha assunto la sua forma attuale solo all’inizio del 20° secolo. Durante il periodo Edo (1603-1867) un dorayaki era una torta ripiegata, come una frittata o un pastoncino piuttosto che un panino rotondo, e l’impasto era molto più sottile. Fu creato per la prima volta come un panino con morbidi pancakes a forma di torta nel 1914 da una pasticceria di Ueno, Tokyo, chiamata Usagiya (Casa dei conigli). Dopo aver perso il favore, i dorayaki originali sono diventati famosi grazie a Doraemon, un personaggio degli anime degli anni ’80. Un robot gatto blu che ama il dorayaki. si imbatte regolarmente in tutti i tipi di problemi a causa della sua ossessione per la torta rotonda.

Lascia un commento